L’Ordine di San Benedetto

 

 

L’Ordine di San Benedetto è una confederazione di monaci che professano la regola di San Benedetto di Norcia; i monaci benedettini aggiungono al loro nome la sigla O.S.B..

Le origini della fondazione risalgono attorno al 529, quando Benedetto e la sua comunità si rifugiarono a Montecassiono, riuscendo a convertire gli abitanti del luogo al cristianesimo, poiché al tempo ancora devoti al culto del dio pagano Apollo.

Qui a Montecassino scrisse la sua Regola monastica, adatta anche ai monasteri maggiori e situati in altre zone geografiche. San Gregorio Magno mise in rilievo nei suoi libri dei Dialoghi la vita di San Benedetto, diffondendole e propagando la sua Regola in molti luoghi, arrivando fino in Inghilterra.

monte

Inizialmente i monasteri erano principalmente comunità composte da laici ma nel IX secolo il sacerdozio iniziò a diventare fondamentale all’interno della vita dei monaci. Le abbazie benedettine diventarono anche importanti centri culturali, custodi di testi antichi; alcuni divennero anche centri per l’educazione dei giovani.

A seguito del dissolvimento dell’impero carolingio, delle scorrerie degli Ungheri e degli attacchi dei pirati l’Ordine subì una profonda crisi. Il monachesimo benedettino fu salvato dalle riforme promosse da alcuni monasteri: Cluny, a Camaldoli, a Cîteaux, a Vallombrosa, a Montefano, a Montoliveto e a Santa Giustina di Padova, e queste congregazioni seguivano gli insegnamenti di San Benedetto, pur restando indipendenti tra loro, anche come forma di governo.

Tra il XIII e il XIV secolo il monachesimo benedettino si avviò verso il declino, poiché le comunità erano abitate da pochi membri, che preferirono come pastori i frati proveniente dagli ordini mendicanti. Ci furono vari tentativi per cercare di risanare l’Ordine, come il movimento “de Unitate”, ma con la diffusione del Protestantesimo nei paesi europei il monachesimo benedettino scomparve nei regni di Danimarca, Svezia, Norvegia, Olanda.

Nell’Ottocento ci fu una ripresa, con la formazione di nuove congregazioni in tutta Europa. Nel 1846 fu fondato anche il primo monastero benedettino negli Stati Uniti d’America, a Latrobe, nel 1846. Nel 1887 Andrea Amrhein fondò una casa religiosa per la formazione dei missionari, secondo l’opera di evangelizzazione dei benedettini nel Medioevo.

Papa Leone XIII riunì le congregazioni di monasteri benedettini in una confederazione, sotto la presidenza di un abate, le cui competenze furono definite nella congregazione per i Vescovi e i Regolari.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *